Capodanno, Enzo Miccio e la festa in casa: "No tute e ciabatte"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Capodanno 'casalingo' in appartamento, festa con pochi intimi tra le mura domestiche? In ogni caso tute, ciabatte e pigiamoni sono off limits. "Non bisogna lasciarsi andare", avverte il conduttore televisivo, stilista e wedding planner Enzo Miccio. “In realtà la situazione è delicata – dice all’Adnkronos – il momento che stiamo vivendo è terribile. Ma una serata importante, di amor proprio, ce la meritiamo davvero. Far festa, anche in due con il proprio partner perché non conta la quantità, ma la qualità, sperando che il 2021 sia migliore di quello appena trascorso. Anche perché peggiore credo e mi auguro sia difficile".

“Senza esagerare – aggiunge Miccio – ma è importante godersi una serata di relax e benessere. Una serata in cui anche l’aspetto estetico può aiutare. Quale può essere il dress code giusto? Per la donna direi che non è il caso di indossare un abito lungo con i tacchi a spillo – consiglia lo stilista – ma un abito giusto, che dia un’aria di festa e gioia agli occhi. Un accessorio rosso è sempre ben gradito, un vestito con brillantini, un tocco di trucco. Magari un tubino rosso di velluto o una tuta nera con paillettes". Per l’uomo, Miccio opta per “un pantalone scuro e una camicia bianca che fa sempre la differenza, da vero gentleman. Sì ad una giacca, meglio se sportiva. Non credo sia il caso di un doppiopetto, vista la situazione. E poi un bel mocassino".

Il noto stilista è categorico: “Non lasciamoci andare. No quindi a tutoni, ciabatte, pigiamoni e magliette. Bisogna tornare a sorridere, serve aria di cambiamento. Stiamo vivendo una fine d'anno particolare e questo 2020 drammatico rimarrà nei libri di scuola. Ma quantomeno che sia un Capodanno di speranza, un nuovo inizio. Festeggiamo la fine di questo 2020 terribile", conclude.