Capodanno, a Milano vietati petardi e fuochi d'artificio

·1 minuto per la lettura

Fuochi d’artificio, petardi, giochi pirotecnici e barbecue vietati a Milano in occasione delle prossime festività e del Capodanno. L'obiettivo è ridurre il Pm10 e le particelle inquinanti, migliorando la qualità dell’aria, e tutelare il benessere degli animali domestici e della fauna urbana, spaventati dai botti di capodanno. Secondo l'Arpa, i fuochi d’artificio sono responsabili del 6% del Pm10 presente in città durante l’intero anno. Il divieto, si ricorda dal Comune di Milano, è continuativo in città, dall’1 ottobre al 31 marzo.

“Questo provvedimento, normato dal Regolamento dell’Aria approvato dal Consiglio comunale, non vuole essere un banale divieto ai botti, ma vuole sensibilizzare la cittadinanza sui temi della sicurezza e della tutela della salute delle persone, degli animali e dell’ambiente ", spiega l’assessora comunale all’Ambiente e Verde, Elena Grandi. “L’esplosione di fuochi d’artificio e botti è particolarmente dannoso e rilascia diverse sostanze nocive in quantità massicce come potassio, stronzio, bario, magnesio, alluminio, zolfo, titanio, manganese, rame, cromo e piombo. Oltre al meteo e alle misure antismog strutturali o temporanee, anche i comportamenti individuali concorrono al miglioramento della qualità dell’aria cittadina”.

Secondo le stime del Wwf, ogni anno in Italia sono diverse migliaia gli animali che muoiono a causa dei botti di fine anno. Di questi la maggior parte è costituita da fauna urbana, soprattutto uccelli, ma anche cani, gatti e altri animali domestici.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli