Capodanno, rave party sull’Alpe di Poti con 500 ragazzi: scontri con la Polizia

·1 minuto per la lettura
rave party alpe poti
rave party alpe poti

Le forze dell’ordine sono intervenute all’Alpe di Poti, la montagna sopra Arezzo, per sgomberare un rave party a cui stavano partecipando centinaia di ragazzi arrivati da ogni parte d’Italia. Tra tensioni e scontri, gli agenti non sono riusciti a interrompere il raduno e i giovani non sembrano intenzionati a lasciare libero il suolo.

Rave party all’Alpe di Poti

Si tratta di cinquecento ragazzi che la sera del 31 dicembre 2021 hanno raggiunto la montagna con casse e attrezzature per ascoltare musica a tutto volume e trascorrere insieme il Capodanno. Si sono dunque sistemati in un terreno tra un vecchio albergo abbandonato e i ruderi di un casolare vicino all’ex fabbrica di acque Fontemura.

Sul posto sono intervenute decine di pattuglie di polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia municipale con posti di blocco e tentativi di fermare la festa, ma il presidio è andato avanti tutta la notte. Le forze dell’ordine sono ancora sul posto ma lo sgombero dei ragazzi non sembra al momento di facile soluzione e la situazione sembra essere ancora in stallo.

Rave party all’Alpe di Poti: tensioni con la Polizia

Nella notte ci sono anche stati momenti di tensione con le forze dell’ordine che stavano presidiando la zona. Un passante residente nella zona è anche stato ferito durante una discussione con uno dei partecipanti al rave a causa di un camion che bloccava la strada. Quest’ultimo ha sbattuto la portiere dell’auto sul volto dell’uomo che, dopo essersi rivolto alla Polizia, è stato medicato da un’ambulanza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli