Cappato: ora malati come Dj Fabo non più trattati in clandestinità

Bla/Nes

Roma, 26 set. (askanews) - "L'importanza della sentenza della Corte Costituzionale sta nel fatto che persone in quelle condizioni di sofferenza e di malattia meritano di essere trattate non nella clandestinità e con la minaccia del carcere ma nella piena legalità che significa anche aiuto e assistenza". Lo ha detto Marco Cappato dell'Associazione Luca Coscioni, a margine di una conferenza stampa a Roma, dopo la sentenza dei giudici della Consulta con la quale si stabilisce che l'aiuto al suicidio non è punibile "a determinate condizioni".