Carabiniere ucciso, Amanda Knox: “Processo si faccia solo in carcere”

carabiniere ucciso amanda knox

Dopo i funerali solenni celebrati nella giornata di lunedì 29 luglio, la famiglia si è chiusa nel proprio dolore in attesa che la giustizia faccia il proprio corso: “Vogliamo una pena esemplare” hanno ripetuto più volte i parenti. Proprio nel giorno delle esequie, però, un commento sulla vicenda è arrivato anche da Amanda Knox, che ha affidato il proprio pensiero a Twitter: “Il processo sia in tribunale, non davanti all’opinione pubblica. Molti mi stanno chiedendo cosa penso a proposito di questa vicenda – ha proseguito -. Tutto ciò che posso dire è: sospendo il giudizio. Il processo dovrà essere celebrato in tribunale, non davanti alla corte dell’opinione pubblica.

Carabiniere ucciso, parla Amanda Knox

In molti hanno accostato il caso della morte del vice brigadiere Mario Cerciello Rega alla vicenda giudiziaria della morte di Meredith Kercher, per cui è stata accusata e poi assolta proprio la Knox. In entrambi i casi si tratta infatti di vicende che coinvolgono studenti statunitensi in Italia provenienti da famiglie benestanti. Lo stesso legale difensore di Amanda avrebbe detto: “Vedo molte similitudini“. La Knox, con il suo tweet, ha fatto in particolare riferimento al clamore mediatico al quale sono stati sottoposti i due americani. Uno di loro è stato infatti fotografato ammanettato e bendato nel corso dell’interrogatorio in caserma. Per l’americana non ci sono dubbi: “Il processo si celebri in tribunale“.

L’omicidio di Mario Cerciello Rega

Il vice brigadiere Mario Cerciello Rega è stato ucciso in servizio nella notte tra giovedì e venerdì. L’uomo è stato raggiunto da 11 coltellate nel corso di un tentativo di arresto. Per lui non c’è stato nulla da fare. Due giovani americani sono stati fermati e hanno confessato l’omicidio. I funerali di Cerciello Rega sono stati celebrati nella giornata di lunedì a Somma Vesuviana, suo paese d’origine, alla presenza di numerose autorità, tra cui Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Elisabetta Trenta e Roberto Fico.