Carabiniere ucciso, Md: nessuna eccezione a garanzie Stato diritto

Red/Cro/Bla

Roma, 29 lug. (askanews) - "Chiunque, anche l'autore del più grave dei delitti, preso in carico da rappresentanti dello Stato, deve ricevere un trattamento che ne tuteli la dignità e i diritti. Le garanzie previste in uno Stato di diritto non conoscono eccezioni e chi ha il monopolio legale dell'uso della forza non può abusarne in alcun modo". Così in una nota l'esecutivo di Magistratura Democratica tornando sulla vicenda della foto di uno dei due ragazzi statunitensi, coinvolti nell'omicidio del vice brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, ritratto con le manette ai polsi e bendato.

"L'articolo 13 della nostra Costituzione fa di queste garanzie l'argine invalicabile posto a tutela delle persone sottoposte a restrizione della libertà. Anche nei momenti più bui della storia di questo Paese, l'azione della magistratura nelle indagini e nei processi e delle forze dell'ordine in tutti gli interventi a tutela della collettività ha garantito la risposta forte della democrazia, che rimane fedele a se stessa solo con la tenuta delle garanzie e di tutti i principi dello Stato di diritto", aggiunge.

(Segue)