Carabiniere ucciso, pm: tutti uguali davanti alla legge

Nav

Roma, 30 lug. (askanews) - "Siamo a Roma, la procura di Roma è abituata a trattare indagati di qualsiasi nazionalità ed etnia in continuazione. Per noi i cittadini di fronte alla legge sono tutti uguali". Lo ha detto il procuratore aggiunto di Roma Michele Prestipino quasi al termine della conferenza stampa sull'omicidio di Mario Cerciello Rega e rispondendo ad una cronista di organo di stampo statunitense.

Il magistrato all'avvio dell'incontro che si è tenuto nella sede del comando pronvinciale dell'Arma aveva avuto modo di sottolineare come "uno degli indagati è stato ritratto mentre si trovava seduto, ammanettato e bendato, e questo fatto è stato oggetto di tempestiva segnalazione da parte della stessa Arma dei carabinieri, i cui vertici hanno definito tale fatto grave e inaccettabile. La Procura ha avviato le indagini necessarie per accertare quanto accaduto e definire le responsabilità. La Procura di Roma procederà a questi accertamenti senza pregiudizi e con la determinazione e il rigore dimostrati in analoghe vicende e situazioni".