Carabiniere ucciso, restano in carcere i due giovani americani

Cro/Ska

Roma, 28 lug. (askanews) - Restano in carcere Elder Finnegan Lee e Christian Gabriel Natale Hjort, i due giovani americani accusati della morte del vicebrigadiere dei carabinieri, Mario Cerciello Rega. Il gip di Roma Chiara Gallo ha convalidato il fermo così come sollecitato dalla Procura. I due statunitensi sono accusati di concorso in omicidio e tentata estorsione.