I carabinieri hanno arrestato un 71enne che aveva inondato la provincia di "patacche"

·1 minuto per la lettura
Due esemplari delle monete false sequestrate
Due esemplari delle monete false sequestrate

False monete da 2 euro che a detta degli inquirenti avevano inondato l’intera provincia di Caserta, dove è stata scoperta una zecca clandestina e dove i carabinieri della territoriale di Mondragone hanno arrestato un 71enne di Castel Volturno, sul Litorale Domitio. In quel laboratorio illegale venivano prodotte false monete da due euro riportanti effige francesi.

A Caserta scoperta una zecca clandestina

Quelle monete venivano spacciate in tutta la provincia di Caserta, questo almeno fino a quando il traffico illecito non è stato stroncato dai militari e dai colleghi della II Sezione Operativa del Comando Anti falsificazione Monetaria di Napoli. La nota dell’Arma a correndo del blitz spiega che “contestualmente un uomo di 71 anni del posto, già sottoposto ai domiciliari, è stato arrestato per falsificazione di monete, spendita e introduzione nello Stato, previo concerto, di monete falsificate e fabbricazione o detenzione di filigrane o di strumenti destinati alla falsificazione di monete, di valori di bollo o di carta filigranata”.

La perquisizione e il “bingo” dei carabinieri

I militari dell’Arma hanno infatti sottoposto a controllo l’abitazione del 71enne, scoprendo la “Zecca clandestina”: in casa, infatti, l’uomo aveva un conio per la produzione di monete da 2 euro che vengono prodotte in Francia. I militari hanno posto sotto sequestro diverse attrezzature per produrre quel denaro falso messo illecitamente in circolazione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli