Carabinieri: Mantova, con lockdown aumentati reati in ambito domestico

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 5 giu. (Adnkronos) – Si è svolta questa mattina, presso la caserma di via Chiassi, sede del comando provinciale di Mantova, la commemorazione del 207esimo anniversario di fondazione dell’Arma dei carabinieri. Anche quest’anno l’emergenza Covid-19 ha determinato un contenimento dei festeggiamenti, con la deposizione di una corona d'alloro alla presenza del comandante provinciale Antonino Minutoli e del prefetto Michele Formiglio.

Nel periodo 1 giugno 2020-31 maggio 2021, l’Arma dei carabinieri ha proceduto per il 84% dei reati consumati in Mantova e provincia (il totale dei reati commessi in provincia è stato di 9.803). Confrontando i dati relativi agli interventi, in relazione al periodo 1 giugno 2019-31 maggio 2020, si deve evidenziare la diminuzione dei delitti: 9.803 (a fronte dei 10.978 per cui aveva proceduto nel 2020); dei furti: 3.068 (contro i 4.749 per cui aveva proceduto nel 2020), di cui 714 in abitazione a fronte dei 1.267, 252 furti in esercizi commerciali a fronte dei 369 e 290 furti con destrezza a fronte dei 472.

Il prolungarsi del lockdown ha fatto registrare, purtroppo, un aumento dei reati per cui ha proceduto l’Arma dei carabinieri in ambiente domestico, ad eccezione delle lesioni. In tutto sono stati registrati 304 casi di lesioni (a fronte dei 334 del 2020), 73 di percosse (a fronte dei 64 del 2020), 365 di minacce (a fronte delle 314 del 2020) e 26 di violenze sessuali (contro 22 del 2020). I 27.751 servizi nel 2021 hanno consentito di effettuare 182.632 controlli (corrispondente all’86% dei controlli effettuati da tutte le ff.pp. della provincia), nel corso dei quali sono state controllate 215.086 persone (141.127 nel 2020) e 161.065 vetture (101.937 nel 2020).