Carboni: Libro Pazienza, 'mi sono pentito di averlo presentato a Calvi'

(Adnkronos) - Fu l'ex 007 Francesco Pazienza, che, lasciato il Sismi, divenne consulente di Roberto Calvi, a presentare al 'banchiere di Dio' Flavio Carboni. Una circostanza di cui si pentì, come racconta nel suo "La versione di Pazienza", dal 27 gennaio in libreria per Chiarelettere (240 pagg., 16 euro).

"Osservando Flavio Carboni, ascoltando le sue parole, verificando e pesando le sue affermazioni, pensavo: Roberto Calvi ha bisogno di avere nuovi amici che abbiano al loro seguito altrettanti amici", scrive Pazienza. Ma poi aggiunge: "Con il trascorrere del tempo avrei avuto modo di pentirmi di essere entrato in contatto con Carboni e, soprattutto, di averlo presentato a Calvi. Come Gelli, Carboni lo voleva rinchiuso in gabbia per controllarlo. Nella mia ingenuità, invece, ogni volta che gli avevo presentato i vari Caracciolo, Ciarrapico, Cusani, e lo stesso Carboni, avevo recitato la solita lezioncina nell’ottica di un reciproco interesse: 'Aiutatemi ad aiutare Robertino, mi raccomando'. E loro avevano risposto: 'Sì, stai tranquillo. Lo aiuteremo, vedrai'. Li misi tutti in contatto diretto con Calvi e tutti cercarono di arraffare il più possibile, dando in cambio soltanto pie illusioni e una montagna di chiacchiere e promesse".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli