Carcere vietato per le donne con figli piccoli: proposta di legge approvata dalla Camera

carcere vietato donne figli
carcere vietato donne figli

Con 241 voti favorevoli e 7 contrari, la Camera ha approvato una proposta di legge che ha come obiettivo evitare che i figli piccoli di persone condannate o in attesa di giudizio vadano in carcere con le proprie madri (o, in alcuni casi, con i padri).

Carcere vietato per le donne conviventi con figli piccoli

Il principio su cui si fonda la proposta di legge è un concetto fondamentale: “Mai un bambino potrà varcare la soglia del carcere”, si legge nel testo. La proposta vieta che le donne incinte o conviventi con figli di età inferiore a 6 anni vadano in carcere. In alternativa, dovrebbero essere collocate all’interno di case famiglie protette e, qualora le esigenze cautelari fossero di estrema rilevanza, in istituti a custodia attenuata (ICAM). Si tratta di speciali strutture dotate di sistemi di sicurezza non riconoscibili dai bambini e appositamente organizzate per ricreare un’atmosfera simile a quella che si respira in un normale ambiente familiare.

Per le donne già condannate, inoltre, la proposta di legge stabilisce l’incompatibilità assoluta con la pena detentiva per i bambini con meno di 3 anni (oggi il limite è fissato a 1 anno) e prevede che passi da 3 a 6 anni l’età dei bambini per cui è reso possibile il rinvio dell’esecuzione della pena nei confronti della madre. Anche in tal caso, si sottolinea la necessità di fare affidamento a case famiglia oppure sugli ICAM, come valide alternative al carcere.

Le misure proposte sono applicabili anche ai padri nel caso in cui la madre fosse venuta a mancare o impossibilitata a prendersi cura dei figli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli