Carceri, Bonafede a Lega: le strumentalizzazioni hanno un limite

Ska

Roma, 17 giu. (askanews) - "Chi oggi si straccia le vesti dovrebbe sentire il dovere morale perch da una spiaggia ha deciso di fuggire dalle responsabilit quando ha avuto la possibilit di portare avanti fatti concreti": il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede replica cos, in evidente riferimento alla caduta del governo giallo-verde sancita la scorsa estate dal leader della Lega Matteo Salvini, ad una interrogazione di deputati leghisti in merito ai disordini scoppiati nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: "Le strumentalizzazioni hanno un limite".

"Sa quando sono ministro sono stati assunti 3931 agenti e 256 addetti del personale amministrativo e oltre 6mila assunzioni sono gi programmate per prossimi anni", ha detto il Guardasigilli.

Dopo aver sottolineato di non poter entrare nel merito delle indagini in corso sullo specifico caso, Bonafede ha sottolineato che il procuatore generale di Napoli "ha avviato gli accertamenti di propria competenza", il dipartimento per l'amministrazione penitenziaria ha disposto le misure adatte, a partire dal trasferimento dal carcere di Santa Maria Capua Vetere di tre detenuti di alta sicurezza e quattro di media sicurezza e lo stesso ministero ha inviato all'istituto un rinforzo di personale in tutti i comparti detentivi.

"Ci sono temi come la sicurezza nelle carceri che sono molto delicati e servere responsabilit piuttosto che passerelle utili ad esapaserare gli animi", ha detto il ministro della Giustizia, secondo il quale "le strumentalizzazioni hanno un limite".

Il deputato Jacopo Morrone, che aveva presentato l'interrogazione, ha replicato affermando che "in questi mesi il suo ministero passato da un errore all'altro" e dicendo che i "fatti gravissimi" delle rivolte in carcere durante la pandemia "hanno messo in dubbio l'attitudine del ministro ad amministrare temi delicatissimi". L'interrogazione durante il question time era relativa al fatto che "l'11 giugno 2020 i carabinieri, in seguito a un'inchiesta della procura di Santa Maria Capua Vetere su presunti maltrattamenti avvenuti il 6 aprile 2020 nel locale carcere, hanno notificato avvisi di garanzia a pi agenti della polizia penitenziaria, con modalit considerate molto inopportune e inusuali tanto da provocare forti tensioni tra gli stessi".

Bonafede ha assicurato "vicinanza e gratitudine ai poliziotti penitenziari, alcuni dei quali feriti" di Santa Maria Capua Vetere elogiando "il coraggio, l'impegno e la dedizione che dimostrano costantemente" gli agenti penitenziari che, ha detto, sono "la prima sentinella della sicurezza di tutti i cittadini".