Carceri, Cirielli (FdI): norma su reato tortura incostituzionale

Cro-Mpd

Roma, 17 ott. (askanews) - "Esprimo la mia solidarietà agli agenti della Polizia Penitenziaria di Torino nella consapevolezza che non è sbagliata l'azione della magistratura ma la assurda costruzione normativa voluta dalla sinistra (su cui i Cinque Stelle si sono astenuti) nella scorsa legislatura. Anche in questo caso non si traggano conclusioni affrettate". Lo dichiara il Questore della Camera dei Deputati Edmondo Cirielli a seguito dell'arresto di sei agenti della Polizia Penitenziaria in servizio presso il carcere delle Vallette.

"La norma relativa al reato di tortura - spiega il parlamentare di Fratelli d'Italia - è stata scritta con i piedi e si presta ad interpretazioni abnormi; oltretutto è chiaramente incostituzionale perché viola il principio di tassatività e stretta legalità della legge penale. Da quasi due anni chiediamo al ministro della Giustizia Alfonso Buonafede di cambiarla per non renderla uno strumento di ricatto o vendetta dei delinquenti contro le forze dell'ordine" conclude Cirielli.