Carceri, Forattini(Pd): situazione salute mentale drammatica

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 ott. (askanews) - "Quello che emerso" dall'indagine conoscitiva sulla salute mentale nelle carceri lombarde promossa dalla Commissione Speciale Carceri del Consiglio regionale "è un quadro drammatico, aggravato dal pesante sovraffollamento che caratterizza tutte le carceri italiane e che rende insufficienti le proposte attuali e il personale e, ancora di più, dall'avvento del Covid che ha acuito l'isolamento dei detenuti e aumentato esponenzialmente i casi a rischio, per cui attualmente non esistono risposte sufficienti". È questa l'analisi della presidente della Commissione speciale Carceri della Lombardia, Antonella Forattini (Pd), che sintetizza così la conclusione di un lavoro durato un anno e mezzo.

"Lo scopo del nostro lavoro era individuare criticità e possibili soluzioni di fronte a una problematica che vede in Lombardia il più alto numero di suicidi in carcere d'Italia. Partiamo dalla constatazione che le liste di attesa delle Rems sono troppo lunghe e il numero di strutture presenti sul territorio regionale insufficiente, per cui si rende necessario dare corso al più presto alla realizzazione delle nuove Rems previste. Un altro problema cruciale è la carenza di personale, per cui proponiamo di coinvolgere anche figure diverse dagli psichiatri, come psicologi, infermieri psichiatrici e tecnici di riabilitazione psichiatrica. Serve, poi, implementare i percorsi formativi e lavorativi di reinserimento post-detenzione, di cui abbiamo potuto toccare con mano l'importanza nel dare una speranza per il futuro" ha aggiunto.

"Non vanno, inoltre, sottovalutate le difficoltà delle donne in carcere che, in quanto in numero minore rispetto agli uomini, rischiano di essere escluse da percorsi specifici di tutela, anche attraverso la cosiddetta medicina di genere. Le criticità nella salute mentale, infine, non riguardano solo i detenuti ma anche il personale. Dal confronto con gli organi sindacali della polizia penitenziaria è emerso come sia necessario investire sulla formazione e prevedere sportelli di ascolto per dare supporto agli agenti", ha concluso Forattini.