**Carceri: Migliore, 'difficile giustificare misure cautelari per fatti del 2020'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 28 giu. (Adnkronos) – “Le oltre 50 misure cautelari a carico dei poliziotti penitenziari di Santa Maria Capua Vetere e l’interdizione per il provveditore Antonio Fullone destano più di qualche perplessità. Non voglio entrare nel merito di una vicenda relativa a presunti pestaggi dei detenuti nell’aprile del 2020 e confido nell’azione della magistratura. Eppure, misure cautelari per oltre 50 persone, a distanza di quattordici mesi dai fatti contestati, come possono essere giustificati? A tanta distanza di tempo si possono verificare pericoli di fuga, di reiterazione del reato o di inquinamento delle prove?" Lo afferma Gennaro Migliore, di Italia viva.

"Nell’attesa di leggere le motivazioni -aggiunge- intendo rinnovare la fiducia nel corpo della Polizia penitenziaria e augurarmi che, nel caso vi siano responsabilità individuali, sia comminata la sanzione più severa per gli eventuali comportamenti delittuosi, nel pieno rispetto delle regole e della Costituzione”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli