Carceri: Mirabelli, 'Salvini sempre contro i più deboli'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 12 apr. (Adnkronos) – “Quando Matteo Salvini è in difficoltà torna alle origini e indica un nemico da combattere e discriminare, sempre persone deboli e in difficoltà. Ieri gli immigrati, oggi chi è in carcere che, secondo il leader della Lega, non avrebbe diritto a essere vaccinato anche se vive in luoghi chiusi e promiscui dove il contagio è più facile. Insomma Salvini spiega a chi aspetta il vaccino che se non l’ha ancora ricevuto la colpa è di chi è in carcere". Lo scrive su Facebook Franco Mirabelli, vicecapogruppo del Pd al Senato.

"Nonostante sia al governo col suo partito -aggiunge- Salvini continua anziché risolvere i problemi ad agitarli e a cercare di dare la colpa alle persone che è più facile discriminare. Per noi, tanto più di fronte alla pandemia, il compito della politica in uno Stato civile è, come stanno facendo la Lombardia e tutte le altre Regioni, difendere e proteggere le persone, tutte le persone”.