Carceri, Moratti: per prevenire suicidi serve gioco di squadra

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 lug. (askanews) - Presa in carico del detenuto e il monitoraggio costante attraverso l'apporto di una squadra multidisciplinare. Più in generale, un'attenzione a 360 gradi nei confronti di chi si trova in carcere. Va in questa direzione la delibera sull'aggiornamento del piano regionale lombardo per la prevenzione del rischio suicidario negli istituti penitenziari per adulti approvata oggi dalla Giunta regionale della Lombardia su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti. La Lombardia conta sul proprio territorio 18 istituti penitenziari sui 190 nazionali e nelle sue strutture c'è il maggior numero di persone sottoposte a regime carcerario.

"Il piano regionale approvato - ha commentato Moratti - utilizza la stessa metodologia risultata vincente e più volte citata dall'Organizzazione mondiale della sanità in riferimento alla Lombardia durante la pandemia: una stretta alleanza tra il mondo penitenziario e quello sanitario per prevenire i suicidi, purtroppo aumentati durante il periodo dell'epidemia, anche a causa delle restrizioni che hanno reso ancora più afflittivo il momento della carcerazione, è infatti necessario giocare in squadra".

L'indispensabile valutazione medica in base al piano deve essere accompagnata da una costante attenzione di tutto il contesto ai comportamenti del soggetto, soprattutto nei momenti più difficili della carcerazione. "Un momento di grande criticità - ha aggiunto l'assessore - è dato dall'ingresso in istituto e dall'inizio della vita detentiva, con la conseguente necessità di ambientarsi a un nuovo contesto. In quest'ottica le modalità di accoglienza rivestono particolare importanza e consentono una prima e immediata valutazione del rischio autolesivo e suicidario".

Il Piano ha come soggetti destinatari le Asst e le Ats sul cui territorio è presente un Istituto Penitenziario, il Provveditorato Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria e le Direzioni degli Istituti Penitenziari per adulti. I direttori delle strutture penitenziarie e sanitarie provvederanno a nominare per le rispettive competenze uno staff multidisciplinare, composto da rappresentanti del personale penitenziario (polizia penitenziaria, Funzionario Giuridico Pedagogico, Psicologi, Volontari) e sanitario (Medici della Struttura Penitenziaria, Personale infermieristico, Personale Asst del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze) qualificati e dotati di adeguati livelli di competenza e responsabilità.

"In base a colloqui e valutazioni, lo staff multidisciplinare nel più breve tempo possibile dovrà predisporre un programma individualizzato di presa in carico congiunta nel quale saranno indicati ulteriori interventi integrati degli operatori sanitari, di sostegno e di sorveglianza, secondo le necessità determinate dalle problematiche rilevate" ha osservato ancora Moratti. "Attraverso il dialogo e il confronto, personale sanitario, penitenziario, psicologi, volontari, ma anche i familiari, gli avvocati difensori e i magistrati - ha proseguito - dovranno essere in grado di cogliere anche il minimo segnale di disagio o campanello d'allarme".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli