Carceri: Saitta (M5S), 'inaccettabili attacchi Salvini a Bonafede'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 lug. (Adnkronos) – “Conosciamo Matteo Salvini nelle vesti di mentitore seriale ma qui è andato oltre e siamo costretti a rinfrescargli la memoria. 'Non si possono indagare e perquisire come delinquenti 44 servitori dello Stato', erano state le sue parole subito dopo la notizia delle indagini sugli agenti penitenziari per i pestaggi avvenuti all'interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere. Poi puntava il dito contro il nostro ex ministro ('il limite è superato: Bonafede sveglia!') reo, secondo lui, di non difendere dalle violenze dei detenuti gli agenti penitenziari accusati di torture. A questo punto la domanda ci pare legittima: parliamo dello stesso Salvini che oggi attacca Bonafede accusandolo di avere responsabilità sui fatti accaduti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere o si tratta di un suo omonimo?”. Se lo chiede Eugenio Saitta, deputato del Movimento 5 Stelle e capogruppo in commissione Giustizia.

“E’ inaccettabile –aggiunge– far credere che l'ex ministro Bonafede abbia responsabilità su quei soprusi e umiliazioni visibili nel video quando l'ex Guardasigilli si è mosso immediatamente nel pieno rispetto delle prerogative e dell'indipendenza dell'autorità giudiziaria che ha portato avanti le indagini per accertare i fatti. Basta strumentalizzazioni. Come ricordato, era qualcun altro che, lo scorso anno, ha svolto il ruolo di sobillatore nel carcere di Santa Maria Vetere e non è sicuramente del Movimento 5 Stelle”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli