Card. Ayuso: religioni non uguali ma possono formare arcobaleno

Ska

Città del Vaticano, 6 feb. (askanews) - "L'arcobaleno è fatto di differenti colori, la musica è composta da note diverse e di conseguenza, mettendole insieme, si può sempre creare questa sinfonia del mondo. Perciò non si tratta di omologare e di diventare tutti uguali per diventare monocolore, ma di arricchire, a partire delle nostre differenze, la possibilità di creare un mondo migliore, malgrado queste diversità, attraverso quei punti in cui noi troviamo qualcosa di simile, soprattutto considerandoci tutti come credenti". Lo ha detto a Vatican News il cardinale Miguel Angel Ayuso Guixot, presidente del Pontificio consiglio per il Dialogo interreligioso, in questi giorni ad Abu Dhabi ad un convegno interreligioso ad un anno dalla firma del Documento sulla Fratellanza Umana da parte di Papa Francesco e del Grande Imam di Al-Azhar, Ahmad Al-Tayyib.

"Pur rimanendo ben ancorati alla nostra tradizione religiosa saremo capaci di creare una bella sinfonia", ha detto Ayuso.

"Noi non dobbiamo dire che tutte le religioni sono uguali, assolutamente no. Però certamente riconosciamo che nel mondo ci sono molte religioni e di conseguenza, a partire dalla nostra identità che è qualcosa di irrinunciabile, dobbiamo entrare in questa fase, aprendoci con rispetto e amicizia all'incontro con i nostri fratelli e sorelle appartenenti ad altre culture e ad altre tradizioni religiose".