Card. Bassetti: la crisi c'è, lavorare per far ripartire treno

Pat

Rimini, 19 ago. (askanews) - Il presidente della Cei mette le mani avanti: "Non parlo della crisi di governo, non è tempo di fare interviste". Ma non rinuncia ad evidenziare che in Italia "la crisi c'è e va affrontata con tutte le forze". Perché altrimenti "fra tre anni siamo ancora qua a parlare di crisi". L'occasione per il card. Gualtiero Bassetti è il suo arrivo al Meeting di Cl a Rimini, dove oggi parlerà di giovani al convegno "Non fatevi rubare i sogni, sono il futuro".

Come si pone la Chiesa davanti alla crisi di governo, gli chiedono i cronisti. "Non dico una parola, aspetto che domani il presidente parli e poi si starà a vedere. Non dico niente di più - ha spiegato Bassetti - rispetto a quello che ho detto per l'Assunta, vedete il fondo di Avvenire. Non è il momento, ho la responsabilità di una nazione (non quella civile, ma dei vescovi)".

E insiste: "La crisi c'è e va affrontata con tutte le forze. Ho detto tante volte che bisogna incentivare l'industria, incentivare i posti di lavoro. Ci vuole un po' di coraggio a partire, se non si mette in moto la macchina tra tre anni siamo ancora qui a dire 'la crisi'. Bisogna mettere in moto una grossa macchina perché si possa lavorare e produrre. Deve insomma ripartire un treno".