Card. Bassetti: oggi difendere cultura vita molto più difficile

Ska

Città del Vaticano, 14 nov. (askanews) - "Purtroppo, oggi, difendere la cultura della vita è diventato molto più difficile rispetto al passato, a causa dell'affermazione di una mentalità nichilista e consumista che ha favorito il progressivo svuotamento di signifiato della persona umana. Una crisi di senso, civile e morale, che mina le basi di ogni convivenza sociale, al di là della fede che si professa". Lo scrive il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana, in un messagio inviato ai partecipanti al 39esimo convegno nazionale dei Movimenti per la Vita, CAV (centri di aiuto alla vita) e case di accoglienza in programma a Pescara dal pomeriggio di oggi fino al 17 novembre.

"Il vosto lavoro - scrive il porporato - merita ogni incoraggiamento da parte di quanti sono preoccupati del futuro della nostra società. Unfuturo che giustamente ci sta a cuore, come si evince dal tema di questo 39esimo convegno nazionale 'Diamo vita al futuro. Insieme per guardare lontano'".

Il cardinal Bassetti conclude il messaggio "esprimendo simpatia e solidarietà nei confronti dell'iniziativa 'Cuore a cuore' che se da un lato sottolinea il privilegio e il primato femminile nei confronti dell'accoglienza della vita nascente - e quindi l'autorevolezza della donna nel riconoscere che il concepito è uno di noi - dall'altro sottolinea la necesità di un grande impegno di tutti, uomini compresi. E' infatti fondamentale riconoscere la corresponsabilità del padre e della madre nell'accoglienza del concepito".