Cardinale Barreto risponde a critiche su sinodo sull'Amazzonia

(Segue)

Città del Vaticano, 18 lug. (askanews) - Il cardinale tedesco Gerhard Ludwig Mueller lo ha criticato apertamente, il cardinale suo connazionale Walter Brandmueller si è spinto a parlare di eresia e apostasia, e oggi invece un altro cardinale, il gesuita peruviano Pedro Ricardo Barreto, lo difende con convinzione. Il sinodo sull'Amazzonia convocato dal Papa per ottobre prossimo tocca molte questioni controverse, sia per la vita della Chiesa che per quella della società più in generale. E in un articolo sulla Civiltà cattolica, l'arcivescovo di Huancayo e vicepresidente della Rete panamazzonica (Repam), non ha dubbi da quale parte stare: "L'obiettivo è creare le condizioni che permettano ai popoli che abitano nel vasto e importante territorio amazzonico di vivere con dignità e di guardare con fiducia al futuro", spiega il cardinal Barreto.

"Secondo la dottrina sociale della Chiesa", Spiega Barreto, "alla missione di ogni cristiano è associato un impegno profetico verso la giustizia, la pace, la dignità di ogni essere umano senza distinzione, e verso l'integrità del creato, in risposta a un modello di società predominante che produce esclusione, disuguaglianza e che provoca quella che papa Francesco ha chiamato una vera e propria 'cultura dello scarto' e una 'globalizzazione dell'indifferenza'".