Cardinale Braz: anche leader si incarichino di cucina e pulizie

Ska

Città del Vaticano, 23 gen. (askanews) - La relazione tra uomini e donne nella vita consacrata "non può essere di sottomissione né di comando. Dovrà essere di uguale dignità nella diversità". Così il cardinale Joao Braz de Aviz, prefetto della congregazione vaticana per i Religiosi, in una intervista sull'inserto femminile dell'Osservatore Romano, "Donna, Chiesa, Mondo".

"La potestà del sacramento dell'ordine è un servizio e non un potere che sfocia facilmente nell'atteggiamento di dominazione", spiega il porporato focolarino brasiliano.

"Io penso che anche le persone che hanno ruoli direttivi dovrebbero imparare a condividere con la comunità la vita e tutte le necessità: la cucina, le pulizie...", afferma Braz de Aviz.