Carfagna: Fi si differenzi da Meloni e Lega o siamo irrilevanti

Rea

Roma, 5 feb. (askanews) - "E' in atto un tentativo di Giorgia Meloni di occupare lo spazio dei moderati - il che è paradossale, definendosi lei stessa la Destra - e di differenziarsi rispetto a Salvini. Io ho sempre chiesto una maggiore autonomia e indipendenza di Forza Italia rispetto agli alleati di coalizione, e per questo sono stata molto criticata. Ma la Meloni dimostra come ci si possa differenziare e crescere senza andare a rimorchio della Lega". Lo ha detto Mara Carfagna (FI), ospite diOtto e mezzo su La7.

"Forza Italia è l'unico partito del centrodestra che non cresce nei sondaggi, ma addirittura cala. Se manteniamo lo status quo - ha proseguito - io penso che ci condanniamo all'irrilevanza, il primo a saperlo è Silvio Berlusconi". Con il quale, hariferito Carfagna, "ho parlato due settimane: gli ho raccontato delle iniziative di Voce Libera e si è dimostrato interessato, ha capito che l'associazione non è né inutile né dannosa, mi ha chiesto anche di partecipare a un evento. Poi spero che non lo convincano a fare marcia indietro".

Alla domanda se Berlusconi sia mal consigliato, Carfagan ha risposto: "Ognuno ha il diritto di scegliersi i consiglieri che vuole". E ha poi aggiunto: "Nessuno può essere così megalomane da pensare di essere l'erede di Berlusconi, ma penso che serva una classe dirigente legittimata dalla base, e invece oggi i dirigenti di Forza Italia mi sembrano più interessati a difendere le proprie rendite di posizione".