Carfagna: governo gioca con la faccia dell'Italia

Rea

Roma, 24 lug. (askanews) - "I partner di governo all'estero giocano con la faccia dell'Italia. C'è chi gioca con la Russia, chi con Visegrad, chi con la Cina o il Venezuela di Maduro, c'è perfino chi ha giocato con i gilet gialli in Francia. Così finiamo isolati in Europa, prendiamo schiaffi dalla presidente della Commissione europea e perfino da Macron". Lo ha affermato Mara Carfagna, Vice Presidente della Camera e coordinatrice di Forza Italia, intervenendo nell'Aula di Montecitorio durante il question time, in una interrogazione rivolta al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

"Questo governo - ha spiegato Carfagna - per la prima volta ha messo in discussione la nostra appartenenza all'Alleanza atlantica e all'Unione europea. Non si capisce più da che parte sta l'Italia. Chi sono i nostri alleati, chi i nostri avversari? Soprattutto, quali interessi difendiamo davvero? Tutto ciò ha ricadute concrete nella vita degli italiani, perché significa meno credibilità, meno investimenti, meno posti di lavoro, meno occasioni di sviluppo e di crescita. Significa esporre l'Italia a incursioni economiche e commerciali e renderla terra di conquista per le potenze straniere".

"Il premier e i ministri si occupano tanto del dossier immigrazione, ma non se ne occupano nei luoghi opportuni in cui dovrebbero farlo: in Nord Africa e anche in Europa. In Libia c'è una guerra civile che potrebbe avere effetti devastanti per l'Italia, non solo per i flussi migratori, ma anche per il rischio terroristico e gli interessi energetici ed economici. Eppure anche in quella vicenda l'Italia non tocca palla. Ci auguriamo - ha concluso la coordinatrice di Forza Italia - che il presidente del Consiglio metta fine a questa ricreazione del governo e cominci davvero a difendere, se ne è capace, gli interessi dell'Italia".