Carfagna: no a propaganda, family act aiuti davvero libertà donne

Rea

Milano, 7 ott. (askanews) - "Spero che l'idea di un assegno unico per i figli non si riveli l'ennesima trovata propagandistica per illudere madri, padri, famiglie. Il governo abbia il coraggio di far seguire alle parole i fatti con una misura semplice, concreta, a sostegno del valore sociale della maternità, finora riconosciuto solo a parole, e del diritto a essere genitori anche in tempi di crisi e precarietà". Lo afferma in una nota Mara Carfagna, Vice Presidente della Camera e deputata di Forza Italia.

"Le enormi risorse che investiamo da anni nella elargizione degli 80 euro, senza risultati apprezzabili nel rilancio dei consumi, possono senz'altro essere meglio impiegate in questa direzione, dando un aiuto concreto anche ai moltissimi genitori single (un milione e 34mila) che crescono un bambino da soli, tra i quali 800mila donne. Sono la classe sociale più esposta al rischio di povertà. È un dovere dello Stato riconoscerne il ruolo e l'impegno. Ma in un Paese dove lavora una donna su due, e al Sud una su tre, dobbiamo anche guardarci dal pericolo che questa misura si riveli un incentivo per le donne a restare a casa, intervenendo sul sostegno all'occupazione femminile, sul prolungamento e la promozione dei congedi di paternità, sulla flessibilità degli orari di lavoro e dei servizi. Mi auguro che le parlamentari di tutti gli schieramenti si attivino perché le misure di cui si parla non si risolvano in un'effimera bolla di sapone o in un marginale contentino, ma possano incidere concretamente sulla natalità e sulla libertà delle donne di avere figli e di lavorare"; conclude Carfagna.