Carfagna: non daremo tregua a Di Maio su crisi aziendali

Pol/Tor

Roma, 19 lug. (askanews) - "Ci sono in questo momento in Italia più di 300mila lavoratori che attendono una risposta sulle crisi aziendali che li riguardano. Da gennaio a oggi, i dossier di crisi sulla scrivania del ministro Di Maio sono aumentati da 138 a 158, mentre lui evidentemente si occupa d'altro. Per questo, abbiamo deciso noi di Forza Italia di chiamare i sindacati e confrontarci con loro per capire come possiamo dare una mano alle aziende in crisi e ai lavoratori. Garantisco personalmente che non daremo tregua a Di Maio finché non avrà affrontato tutte le questioni aperte, offrendo certezze sui livelli di occupazione e sulla qualità del lavoro". Lo afferma Mara Carfagna, Vice Presidente della Camera e coordinatore nazionale di Forza Italia, a margine di un incontro con le parti sociali, organizzato insieme a Renata Polverini questo pomeriggio nella sede nazionale del partito.

"Questo governo ha detto tutto e il contrario di tutto su Alitalia, sull'ex Ilva, sullo stabilimento Whirlpool di Napoli. L'incertezza e l'ambiguità dell'esecutivo pesano anche sui dati economici. Oggi l'Ufficio parlamentare di bilancio certifica una crescita vicina allo zero per il 2019, mentre ieri abbiamo letto dati allarmanti sulla cassa integrazione straordinaria, che è raddoppiata rispetto a un anno fa, rendendo la crescita dell'occupazione vantata dal governo solo un bluff", conclude Carfagna.