Carfagna: potenziare e finanziare centri contro violenza donne

Bac

Roma, 28 ott. (askanews) - "L'indagine Istat sulla diffusione dei Centri antiviolenza ci mostra che in Italia questi essenziali presidi che accolgono le donne maltrattate e i loro bambini sono ancora drammaticamente insufficienti a fronte dei dati sulla violenza maschile che non accenna a diminuire e che resta efferata. La Convenzione di Istanbul, che il nostro Paese ha ratificato dal 2013, prevede un Cav ogni 10mila abitanti ma nel 2017 - anno della rilevazione - erano ancora 0,05 ogni 10mila abitanti". Lo afferma Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia, in una nota.

"Le donne che si rivolgono ai Centri - aggiunge - sono in aumento, e la maggior parte di loro porta con sé i bambini: segno che la speranza di vivere sicure e la fiducia in questi servizi cresce. Proprio per questo motivo è indispensabile potenziare subito la rete dei Centri e aumentare il numero dei posti nelle case a indirizzo segreto, che salvano molte vite in pericolo e che sono a loro volta scarsi. È fondamentale inoltre rendere stabili e costanti i finanziamenti pubblici, affinché tutte le professioniste che lavorano in questo settore siano riconosciute e adeguatamente pagate, e dare valore all'opera di prevenzione che i centri svolgono nei territori e nelle scuole. Solo attraverso la consapevolezza di quanto sia grave quel che accade alle donne e ai bambini e alla diffusione di una nuova cultura della libertà femminile, potremo mettere fine a questa drammatica piaga", conclude.