Carfagna: rendere le donne economicamente indipendenti

Pol/Tor

Roma, 1 feb. (askanews) - "Il primo febbraio di 75 anni fa l'Italia riconobbe alle donne maggiorenni il diritto di voto attivo, nel 1946 giunse il diritto di voto passivo alle maggiori di 25 anni. Qualche mese prima del referendum fra monarchia e repubblica alle amministrative comunali erano state elette le prime donne sindaco della nostra storia. Le loro foto sono esposte nella Sala delle donne di Montecitorio, dove dal 2016 vengono ricordate coloro che hanno fatto parte delle istituzioni repubblicane. Questo anniversario cade in una settimana durante la quale è stata uccisa una donna ogni giorno. L'ultima a Genova poche ore fa, Laureta Zyberi". Lo dichiara la vicepresidente Fi della Camera Mara Carfagna.

"La strada da fare - ha proseguito Carfagna- è ancora molto lunga. Finché non saranno realtà la parità di salario e di occupazione, le donne non saranno economicamente indipendenti e non avranno i mezzi per sottrarre se stesse e i figli alla violenza maschile. Molte restano in un matrimonio violento per proteggere i figli, e troppo spesso muoiono davanti a loro, o con loro. Lo Stato deve combattere questa tragedia con ogni mezzo, pretendendo il rispetto delle nostre buone leggi, poiché molte delle donne uccise hanno denunciato o chiesto aiuto senza trovarlo, e la loro solitudine è l'insulto peggiore".