Carfagna: "Transizione energetica pilastro Recovery, al Sud parte consistente di risorse"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 apr. – (Adnkronos) – “Il nostro governo è impegnato a fare della transizione ecologica uno dei pilastri del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, in linea con le indicazioni dell'Unione Europea, e il Sud in particolare sarà destinatario di una parte consistente delle risorse: circa la metà del totale nazionale riservato ad agricoltura sostenibile, trasporto urbano e tutela del territorio, il 60 per cento di quanto destinato alla sperimentazione sull'idrogeno". Così Mara Carfagna, ministro per il Sud e la Coesione territoriale, in un messaggio inviato in occasione della presentazione del progetto di ENGIE che prevede la realizzazione di due parchi agro-fotovoltaici in Sicilia che forniranno energia verde ad Amazon.

"Un ruolo attivo – continua Carfagna – spetta alle imprese, a partire da quelle che operano nel settore energetico, e il Sud per le sue caratteristiche costituisce un territorio fertile di sviluppo per queste attività. Gli investimenti condotti da ENGIE in Italia per valorizzare le risorse naturali in chiave energetica ne fanno già un player importante in questo campo e l'innovativa partnership con Amazon nel progetto che presentate oggi è un esempio della volontà condivisa di contribuire alla decarbonizzazione del sistema economico italiano. L'utilizzo della tecnologia agri-fotovoltaica, in particolare, rappresenta un'occasione molto interessante per la Sicilia e per tutto il Mezzogiorno".

"Attendo con viva curiosità di vedere i risultati del progetto di ENGIE. Il mio augurio è che questo possa essere solo un esempio della capacità del nostro Meridione di attrarre investimenti rivolti alla transizione energetica in chiave moderna e innovativa. Io personalmente e tutto il governo siamo impegnati perché questo accada, valorizzando le peculiarità economiche, territoriali e ambientali del Mezzogiorno e creando le condizioni per farne finalmente una terra di sviluppo e opportunità”, conclude.