Carima contro Samantha: lo sfogo

·2 minuto per la lettura
samantha de grenet body shaming carima
samantha de grenet body shaming carima

Samantha De Grenet ha fatto body shaming a Carima? Pare proprio di sì. L’influencer romana, dopo aver scoperto le parole che le ha riservato la “Vippona”, ha registrato un video sul suo profilo Instagram e ha chiesto ad Alfonso Signorini un confronto con la concorrente del GF Vip.

Samantha: body shaming a Carima

Concorrente molto discusso del GF Vip, Samantha De Grenet ha commesso un altro scivolone di stile. Dopo aver espresso la volontà di uccidere Stefania Orlando, la “Vippona” ha fatto body shaming a Carima. Quest’ultima, di mestiere influencer, è una romana di 27 anni apprezzata soprattutto per la sua schiettezza. Parlando con alcuni compagni d’avventura del tormentone “Emily, Tapijinderc**o”, Samantha ha ammesso:

“Ah sì, ma è quella grossa, di colore? Lei è tanto… carica, non è il mio genere”.

Secondo tanti fan, la De Grenet ha fatto ironia sul peso di Carima ed è per questo che hanno segnalato alla diretta interessata le sue parole. Carimadituttoedipiù ha perso le staffe e ha registrato un video su Instagram:

“Faccio questa diretta, anche un po’ seria, perché sono rimasta sbalordita e anche male, perché finché giochiamo va bene, ma questo è body shaming. Una signora dello spettacolo molto famosa, la De Negret, so che si chiama De Grenet, ma io dico De Negret, nella casa del Grande Fratello Vip mi perculava, chiedeva chi fosse Emily nonostante già lo sapesse. Io non mi stupisco di non essere il suo genere, perché ci sta di non piacere a tutti. Quello che io contesto è il body shaming che lei ha fatto e lei cercava proprio di percularmi. Io chiedo a tutti di taggare sotto questo video il Grande Fratello Vip e Alfonso Signorini, perché scateno il panico”.

Carima è molto arrabbiata e pretende “il diritto di replica“. La giovane influencer ha poi preso in giro la De Grenet, definendola “più secca di un ossobuco” e “antipatica e arrogante”. Lo sfogo si conclude con le lacrime della diretta interessata.