Carla, Mastronardi: "Nostro film per signora Fracci, esempio per noi"

·2 minuto per la lettura

Un film girato per la "signora Fracci" e fatto "per lei". Così Alessandra Mastronardi, che veste i panni di Carla Fracci nel film 'Carla', alla 'prima' della Scala della pellicola dedicata alla grande ballerina, diretta da Emanuele Imbucci al cinema l'8, il 9 e il 10 novembre e il 5 dicembre su Rai1.

"Per me è un immenso onore - ha sottolineato l'attrice - essere su questo palco, è un'emozione grandissima, un pugno nello stomaco. La stessa emozione che ho provato girando qui. Vorrei semplicemente che parlasse il film, vorrei che parlassero le immagini, vorrei che parlassero le emozioni che abbiamo cercato di fare uscire da tutte le nostre scene. Ci abbiamo messo tanto cuore, c'è tanto tanto amore per la storia di un'artista, di un'eccellenza italiana, soprattutto di una donna fortissima che credo abbia dato tutti i giorni un esempio a tutte noi. I sogni sono meravigliosi ma se non si lavora per ottenerli rimangono sogni. Vorrei dedicarlo alla signora Fracci, l'abbiamo fatto per lei. L'ultima volta che l'ho vista era qui, aveva preso una semplicissima sedia e l'aveva messa lì al lato per vedere le nostre riprese. Vorrei immaginarla, questa sera, qui con noi, su quella sedia a vedere la sua vita".

Un tributo a Carla Fracci che corrisponde, ora che il film viene presentato, "ad una grandissima emozione". Questa la sensazione 'confessata' dalla produttrice del film 'Carla', Gloria Giorgianni. Un film "fatto insieme a lei" frutto di una grande collaborazione con la famiglia" che vuole essere "un tributo ad un'eccellenza, una donna tenace e determinata".

"E' una grandissima emozione stare qui alla Scala - ha detto Giorgianni - con la sala gremita per dare un tributo a Carla Fracci, il nostro film è stato fatto insieme a lei, è stato fatto insieme al maestro Melegatti. Siamo molto fieri di aver lavorato in tutta la famiglia in una grande collaborazione. L'ultima volta che siamo stati su questo palco giravamo e lei è stata qui con noi. Mi piace ricordare questa frase che ha detto quando stavamo cenando dietro le quinte. Si è avvicinata e mi ha detto: 'Lo sa che questa è la prima volta che sono sul palco della Scala e non ballo?' Questa frase mi ha molto colpito perché credo che nella semplicità di questa frase sia racchiusa tutta la forza e la tenacia, la determinazione e l'eccellenza di una donna che ha attraversato parte della storia d'Italia e la storia della città di Milano ma che ha una forte modernità, una forte contemporaneità che abbiamo cercato di rendere grazie all'interpretazione di Alessandra e la regia di Emanuele Imbucci. Ringrazio, oltre alla regione Lombardia che è stata un partner fondamentale che ci ha aiutato, anche il Comune di Orvieto dove abbiamo girato parte del film e Qmi, distributore del film che andrà in sala".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli