Carlotta Cozzi morta a 16 anni per un malore

·2 minuto per la lettura
Carlotta Cozzi
Carlotta Cozzi

Carlotta Cozzi è morta a soli 16 anni a causa di un malore, mentre era a casa con la sua mamma. Venerdì 31 dicembre si terranno i funerali a Bagnolo Mella.

Carlotta Cozzi morta a 16 anni per un malore in casa: venerdì i funerali

Carlotta Cozzi si è sentita male in casa ed è morta a soli 16 anni. La giovane è stata trasferita in ospedale a Brescia d’urgenza, ma purtroppo non ce la fatta. La causa del decesso è un’emorragia cerebrale. Quando si è sentita male era sola in casa con la mamma. La famiglia ha acconsentito alla donazione degli organi. Venerdì si svolgeranno i funerali alle ore 15 presso la Basilica della visitazione. Il corteo funebre partirà da Via Caterina dell’Olmo.

Carlotta Cozzi morta a 16 anni per un malore in casa: la famiglia ringrazia i medici

Carlotta Cozzi lascia i genitori Francesca e Giorgio, la sorella Valentina con Fabio, le nonne Caterina e Mariateresa, la zia Betty con Flavio e la zia Chiara con Adriano, il fidanzato Enrico e le cugine Claudia ed Erica. La famiglia ha voluto ringraziare i medici, gli infermieri e tutto il reparto di terapia intensiva del Civileper l’umanità dimostrata“. Non si esclude che venga proclamato il lutto cittadino. Al funerale parteciperà anche una rappresentanza dell’amministrazione comunale.

Carlotta Cozzi morta a 16 anni per un malore in casa: “Grazie a tutti per le preghiere”

La famiglia Cozzi è molto conosciuta nel paese in cui vive e il padre di Carlotta è uno stimato elettricista. La ragazza studiava all’istituto Golgi di Brescia. A dare l’annuncio della scomparsa è stata la sorella Valentina, su Facebook. “Purtroppo Carlotta non ce l’ha fatta e ci ha lasciati. Vi chiedo rispetto per il nostro lutto. Il funerale sarà venerdì pomeriggio. Grazie a tutti per le preghiere” ha scritto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli