Carmen Russo e Enzo Paolo Turchi denunciati per sfruttamento dai domestici: "Falsità"

·Editor, HuffPost Italy
·1 minuto per la lettura
MILAN, ITALY - NOVEMBER 29:  (L-R) Enzo Paolo Turchi and Carmen Russo attend Scalo 76 Music Show held at RAI Studios on November 29, 2008 in Milan, Italy.  (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images) (Photo: Vittorio Zunino Celotto via Getty Images)
MILAN, ITALY - NOVEMBER 29: (L-R) Enzo Paolo Turchi and Carmen Russo attend Scalo 76 Music Show held at RAI Studios on November 29, 2008 in Milan, Italy. (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images) (Photo: Vittorio Zunino Celotto via Getty Images)

Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo respingono ai mittenti le accuse di sfruttamento che gli sarebbero state rivolte da due domestici. La coppia, tra le più longeve del mondo dello spettacolo italiano, ha dato mandato al proprio legale di procedere per diffamazione contro chi ha dato spazio alle accuse di due collaboratori domestici che avrebbero denunciato di aver subito soprusi personali ed economici, lavorando a nero e sottopagati, nella villa dei due personaggi tv. Tutte circostanze che i due bollano come lontane dalla realtà in una nota diffusa questa mattina.

“Nelle ultime ore della giornata di ieri - dichiarano Turchi e Russo - risultano esser stati pubblicati sui siti internet di numerose testate giornalistiche articoli di stampa gravemente diffamatori e lesivi della dignità e della rispettabilità degli scriventi Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo. La vicenda che viene malamente raccontata è quella di due asseriti domestici che avrebbero prestato la propria attività lavorativa alle dipendenze degli scriventi, subendo una serie di soprusi sia sotto il profilo personale che economico”, aggiungono.

“Tutti detti articoli appaiono ridondanti di illazioni e luoghi comuni che si pongono in stridente contrasto con la realtà fattuale e le circostanze comportamentali delle parti. Ciò posto, anche nella considerazione che allo stato degli atti gli scriventi non hanno ricevuto alcuna notificazione dei ricorsi asseritamente depositati dai presunti dipendenti al Tribunale Ordinario di Tivoli, competente per territorio, gli esponenti stessi si riservano, a loro volta, di agire giudizialmente per la tutela dei propri diritti e interessi”, aggiungono Turchi e Russo.

“A tal proposito, gli scriventi stessi hanno già conferito mandato al proprio difensore di fiducia Avv. Paolo Colosimo del Foro di Roma di procedere, nelle opportune sedi di giustizia, per denunciare le illecite condotte poste in...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli