Carminati, giudici: dopo Cassazione processo si allungato

Nav

Roma, 16 giu. (askanews) - "Non pu ritenersi" che la condanna "nei confronti di Carminati" in relazione ai due capi di incolpazione sia divenuta irrevocabile. Lo scrivono i giudici del tribunale del Riesame di Roma nel provvedimento con il quale stato scarcerato questa mattina Massimo Carminati, l'ex terrorista nero, dopo 5 anni e 7 mesi di detenzione. "In tal senso depone anche la pronuncia della Suprema Corte di Cassazione che in relazione ai titoli in esame non statuisce la definitivit".

Poi i giudici aggiungono: "Va osservato che la pronuncia di annullamento della Suprema Corte in parte limitatamente al trattamento sanzionatorio, in parte in punto di responsabilit, ha comportato la regressione del procedimento alla fase di appello, con evidenti conseguenze sia sotto il profilo dell'allungamento dei tempi processuali sia sotto il profilo strettamente cautelare. Alla regressione del procedimento alla fase di appello ha conseguito sotto il profilo cautelare una nuova decorrenza del termine di fase a partire dal provvedimento di annullamento".