Caro bollette, luci di Natale sì o no? I consigli per risparmiare

Caro bollette, luci di Natale sì o no? I consigli per risparmiare (Getty Images)
Caro bollette, luci di Natale sì o no? I consigli per risparmiare (Getty Images)

Il rincaro dei costi energetici mette le famiglie italiane di fronte alla scelta se addobbare casa con le classiche luminarie, fare l'albero di Natale con le lucine oppure no, illuminare il presepe, e così via. In tanti, infatti, temono un incremento della bolletta della bolletta dell'energia elettrica a causa delle luci di Natale. Ma è davvero così?

LEGGI ANCHE: Riscaldamento in casa: come tenere i consumi bassi

Secondo Assogiocatoli, l’Associazione di categoria che rappresenta la quasi totalità delle imprese che operano nei settori giochi e giocattoli, prodotti di prima infanzia, festività e party, non è necessario rinunciare alla magia del Natale per risparmiare sulla luce. Basta adottare dei piccoli accorgimenti e addobbi, luci, palline colorate e festoni luccicanti creeranno anche quest'anno nelle case degli italiani quel clima natalizio che fa sognare i più piccoli, ma anche i più grandi.

LEGGI ANCHE: Italia, il famigerato bonus da 3000 euro a chi tocca?

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Luci led e timer, come risparmiare durante le feste: i consigli per un Natale consapevole

Il trucco sta nel scegliere bene che cosa utilizzare. Per esempio, una catena luminosa con almeno 500 led ha una potenza totale di circa 5 Watt, che corrisponde a un consumo di circa 1,5 Kilowattora per 10 ore al giorno in un mese. Il costo medio è di 0,40€ per kWh, cioè in totale 60 centesimi di energia consumata nei circa 30 giorni che precedono il Natale. "Un costo alla portata di tutti, inferiore a quello di una tv o del microonde", fanno sapere da Assogiocattoli. Basta, dunque, sostituire le vecchie luci con quelle a led per risparmiare dall’80% al 90% sulla bolletta energetica rispetto al passato.

LEGGI ANCHE: Caro bollette, passare dal mercato libero al tutelato si può: ecco come

Un altro trucco è utilizzare le luci con un timer. In questo modo si riesce a contenere i consumi limitando l'accensione delle luminarie a una fascia oraria predefinita. Così si evita anche di dimenticare di spegnerle quando si è fuori casa. "Il timer", fanno sapere da Assogiocattoli, "è già presente in centinaia di decorazioni luminose e consente di automatizzare l’accensione e lo spegnimento, ottenendo così un ulteriore contenimento dei costi. Un esempio concreto: le catene di luci con timer possono avere una regolazione di 6/18 o 8/16 ore, di modo che sia possibile tenere accesa la decorazione per 6 o 8 ore. Dopo, la decorazione si spegnerà automaticamente, per rimanere spenta per le 18 o 16 ore successive. In questo modo si accenderà e spegnerà sempre allo stesso orario, ogni giorno, evitando di rimanere accesa inutilmente".

LEGGI ANCHE: Natale, come risparmiare senza rinunciare alla magia delle feste

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Caro-bollette, come scegliere le lampadine che ti fanno risparmiare