Caro energia, la denuncia di Conte: "Ora scoprono tutti queste emergenze"

Conte caro energia
Conte caro energia

Il caro energia sta sempre più preoccupando le imprese e le famiglie italiane ed è uno dei temi portato all’attenzione dalle forze politiche durante la Campagna elettorale del 2022. L’ex premier e capo politico del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte ne ha parlato approfonditamente nell’intervento fatto in collegamento durante la presentazione dei candidati del Movimento che si è tenuta a Napoli. “Quello che ci fa rabbia è che siamo stati inascoltati”, ha affermato Conte.

Conte sul caro energia: “Siamo stati inascoltati”

Il capo politico Giuseppe Conte ha in particolar modo sottolineato che del caro energia ne avevano già parlato ben prima che il problema venisse alla luce in questa estate 2022: “Ci hanno dato dei molestatori del Governo in carica semplicemente perché ponevamo le questioni che erano sotto gli occhi di tutti, e dicevamo che era questa la vera priorità, non certo la corsa al riarmo o altre distrazioni”.

Ha poi osservato: “Adesso tutti quanti in campagna elettorale scoprono queste emergenze qualcuno vorrebbe addirittura interrompere la campagna elettorale per mettersi attorno a un tavolo e fare conferenze anziché risolvere i problemi”.

“Ci impegniamo a rispettare gli impegni”

Infine è arrivato l’impegno a rispettare gli obiettivi politici prefissati: “Per noi la politica non è declinare una serie di progetti astratti e promesse, ma prendere impegni politici e poi realizzarli nel corso della legislatura, dei 5 anni successivi […], indipendentemente dalle distrazioni che potrebbero venire, dal gioco politico, dal teatrino politico. Noi non vogliamo un mandato in bianco, noi non diciamo ai cittadini ‘fidatevi di noi perché siamo bravi, puri, belli e bravi più degli altri”, ha spiegato.