Caro energia, Salvini “Sul gas serve armistizio politico, copiamo Macron”

caro energia salvini
caro energia salvini

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha affrontato il tema del caro energia durante un evento organizzato a Corigliano Rossano. Ribadendo la necessità di dare vita a un “armistizio politico”, ha inviato alleati ed avversari a prendere a modello il leader francese Emmanuel Macron.

Caro energia, Salvini “Servono almeno 30 miliardi di euro”

Nella giornata di domenica 28 agosto, il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alle prossime elezioni del 25 settembre durante un incontro a Corigliano Rossano.

In particolare, il leader del Carroccio ha affrontato il tema delle bollette e del caro energia, asserendo: “Copiamo Macron, non un sovranista, Salvini, Orban, Trump ma il più europeista, il più atlantista, anche il più elegante: diamo soldi subito alle aziende energetiche perché mettano un tetto al prezzo delle bollette – e ha aggiunto –. Non c’è tempo, la cifra necessaria è 30 miliardi. Le bollette non sono né di destra né di sinistra e se non si agisce subito ci sarà una strage di aziende italiane“.

Lega: “Sul gas serve armistizio politico, copiamo Macron”

Salvini, poi, ha anche rivolto una richiesta specifica alle altre forze politiche italiane: “La Lega chiede alla politica, uniamoci, oggi, domani dopodomani, di mattina, pomeriggio, notte, non c’è bisogno di fermare la campagna elettorale come dice Calenda, perché ha capito che ha già perso. Esiste la tecnologia, le call, io propongo ai miei colleghi capi partito su tema luce e gas armistizio, pace, soluzione comune. Sul tema luce e gas propongo armistizio, pace, soluzione comune alle forze politiche. Mi aspetto che Renzi Letta Calenda, Conte, dando per scontato che gli amici Silvio e Giorgia siano d’accordo”.

Rispondendo a una domanda sul futuro premier del nuovo Governo, il leader leghista ha dato una risposta secca: “Non mi preoccupo di questo ma di come fare pagare le bollette agli italiani“.