MasterCard lancia la carta di credito che riconosce le impronte digitali

Una delle aziende più conosciute nel settore delle carte di credito, cioè MasterCard, ha sviluppato una tecnologia molto interessante che potrebbe cambiare il futuro dei pagamenti via tessera. Si tratta di carte di credito con impronte digitali, cioè tessere in grado di riconoscere l’impronta e dunque i dati del loro possessore originario.

Carte di credito che vengono riconosciute tramite impronte digitali? Un futuro in fase di sviluppo (Getty)

Qual è il motivo dietro allo sviluppo di una tecnologia di questo tipo? Senza dubbio MasterCard ha intenzione di migliorare il livello di sicurezza relativo ai pagamenti via carta di credito. Ancora troppo spesso si sente di carte di credito clonate o di furti di dati personali, quindi il problema è piuttosto sentito.

La tecnologia è stata provata in Sudafrica, con risultati positivi secondo l’azienda. In che cosa consiste? Le carte di credito usate per i primi test sono dotate di sensori biometrici, in grado di “captare” le impronte digitali del proprietario. Si usa così: si inserisce la carta nel lettore come sempre; in seguito si appoggia il dito su uno speciale riquadro a riconoscimento digitale. Il lettore riconosce l’impronta e procede al pagamento e dunque al rilascio dello scontrino. Scompare dunque la fase dell’inserimento del PIN, sistema che tuttavia dovrebbe essere mantenuto in caso di malfunzionamento.

Le carte di credito in futuro potrebbero essere diverse da come lo sono oggi (Getty)

MasterCard sta per lanciare la carta, dopo due anni dal primo annuncio, ricordando che con questo nuovo sistema si potrà pagare senza mai staccare le mani dalla tessera. Per avere accesso a questa tecnologia, si dovrà prima di tutto registrare una nuova carta in banca. Una volta partito l’iter, si potranno dunque associare ai propri dati due impronte digitali (quindi da diverse dita). La carta sarà totalmente personale: non sarà dunque possibile prestarla a nessuno, nemmeno ai familiari o ai figli.

La maggiore critica per ora indirizzata al nuovo sistema è che grazie alle tecnologie in uso tra i malintenzionati si potranno comunque subire furti di dati; basta raccogliere l’impronta di una persona (basta un bicchiere) per avere potenziale accesso alla sua carta. Un procedimento lungo e complicato che potrebbe far desistere qualche ladro. Tuttavia MasterCard ha ricordato che non esiste un sistema per garantire la sicurezza al 100%; si tratta infatti di un sistema per migliorarla, appaiato alle precedenti tecnologie come quella del PIN.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità