Cartabellotta (Gimbe): problema over 60 e rallentamenti campagna vaccinale

·3 minuto per la lettura
Cartabellotta
Cartabellotta

Il medico Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE, ha commentato i dati relativi all’andamento della campagna vaccinale in Italia, sottolineando i milioni di over 60 che ancora non hanno ricevuto la propria dose di siero sviluppato contro il coronavirus e pertanto sono a rischio ospedalizzazione qualora dovessero contrarre l’infezione.

Gimbe, monitoraggio settimanale: 3,7 milioni di over 60 a rischio ospedalizzazione

In Italia, sono circa 3,7 milioni gli over 60 senza copertura vaccinale che rischiano l’ospedalizzazione nel momento in cui dovessero risultare positivi al SARS-CoV-2: è quanto emerso dall’ormai tradizionale monitoraggio settimanalecondotto dalla Fondazione GIMBE per verificare l’andamento della pandemia nel Paese.

Inoltre, l’organizzazione ha anche rivelato che, fino al 26 maggio 2021, le dosi di vaccino anti-Covid consegnate in Italia sono state in totale 33.618.267 ossia circa il 44,1% delle dosi da recapitare nella Nazione entro il primo semestre del 2021.

Gimbe, monitoraggio settimanale: campagna vaccinale in Italia

I dati divulgati dalla Fondazione GIMBE sono stati commentati dal presidente dell’organizzazione, Nino Cartabellotta, che ha spiegato: “Negli ultimi venti giorni, le consegne si sono attestate su valori inferiori a 3 milioni di dosi/settimana: considerato che mancano 5 settimane al termine del secondo trimestre, per rispettare le forniture previste dal Piano vaccinale entro fine giugno mancano ancora 42,6 milioni di dosi”.

Inoltre, il medico ha anche precisato che, nonostante l’imminente arrivo di ulteriori 8,5 milioni di dosi di vaccinoannunciato dal Commissario Straordinario Figliuolo, “è irrealistico disporre di tutte le dosi previste per tre ragioni: le consegne irregolari da AstraZeneca, le pochissime dosi consegnate da Johnson&Johnson che ha annunciato ulteriori ritardi, la mancata presentazione ad Ema della domanda di autorizzazione condizionata al commercio da parte di CureVac (oltre 7,3 milioni di dosi)”.

In particolare, fino al 26 maggio 2021, i cittadini italiani che hanno ricevuto almeno una dose di siero anti-Covid corrispondono al 36,4% della popolazione ossia 21.677.111 individui, mentre coloro che hanno ricevuto entrambe le dosi rappresentano il 17,9% della popolazione ossia 10.647.817 soggetti.

Gimbe, monitoraggio settimanale: trend in calo

La Fondazione GIMBE ha, poi, ribadito che, nonostante la piena distribuzione dei vaccini da parte delle Regioni, il ritmo lento delle consegne influenza in modo considerevole il numero di somministrazioni settimanali, rallentando l’andamento della campagna vaccinale italiana.

Nel corso degli ultimi 50 giorni, tuttavia, in considerazione anche della copertura vaccinale, i ricoveri sono crollati del 71% mentre i pazienti nelle terapie intensive sono diminuiti del 65%.

Il recente monitoraggio dell’organizzazione relativo alla settimana 19-25 maggio, infine, dimostra un ulteriore riduzione del 29,5% dei nuovi casi di contagio e del 17,4% per quanto concerne i decessi. Queste cifre sono state rese possibile dall’elevata copertura vaccinale registrata tra gli over 70.

Anche l’incidenza nelle Regioni risulta essere in calo, circa il 25% in due settimane, sia per la circolazione ridotta del SARS-CoV-2 che per il numero inferiore di cittadini testati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli