Cartabellotta: “Rischiamo 3 milioni di positivi e 24 mila pazienti in ospedale settimana prossima”

·1 minuto per la lettura
cartabellotta 3 milioni positivi
cartabellotta 3 milioni positivi

Il presidente della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta ha lanciato l’allarme sulla possibile conta, entro una settimana, di 3 milioni di casi positivi in Italia.

Cartaballotta e l’allarme dei 3 milioni di positivi

Intervistato duante la trasmissione L’Italia s’è desta in onda su Radio Cusano Campus, l’esperto ha spiegato che, secondo le proiezioni, lunedì 17 gennaio 2021 potrebbero essere presenti nel nostro paese 3 milioni di soggetti attualmente positivi. Non solo il tasso di occupazione dell’area medica potrebbe salire al 38% e quello delle terapie intensive al 20%. Se così fosse si arriverebbero a contare circa 24 mila pazienti in degenza ordinaria e quasi 2 mila in rianimazione.

Numeri che secondo lui inizierebbero ad essere preoccupanti perché già adesso, con circa 2 milioni di contagiati, la pressione sugli ospedali inizia a sentirsi. “Abbiamo quasi l’1% di persone che va in area medica e l’1 x 1.000 va in terapia intensiva“, ha sottolineato. Inoltre, ha aggiunto, i problemi di sovraccarico non riguardano solo i pazienti Covid ma tutti quelli con patologie che non possono essere assistiti.

Cartaballotta e l’allarme dei 3 milioni di positivi: “Avrei puntato sulla dad”

Cartabellotta si è infine espresso sulla decisione presa dal governo di riaprire le scuole. Ricordando che non siamo di fronte ad un virus che non crea problemi nella fascia d’età pediatrica, “io in questo momento avrei puntato su due settimane di didattica a distanza per potenziare la vaccinazione dei ragazzi e dei bambini“. Nella fascia 5-11 anni ci sono infatti ancora 3,1 milioni di soggetti non vaccinati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli