Cartabia: "A breve emendamenti sul processo penale". Resta l'incognita prescrizione

·2 minuto per la lettura
(Photo: Riccardo AntimianiANSA)
(Photo: Riccardo AntimianiANSA)

Sul ddl penale le carte saranno scoperte a breve. Non al consiglio dei ministri di domani, ma “siamo veramente in dirittura d’arrivo”, ha detto la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, intercettata dai cronisti a margine di un’interrogazione parlamentare sul sovraffollamento delle carceri. In via Arenula si lavora agli emendamenti della più divisiva delle riforme della giustizia con il massimo riserbo. La ministra in queste settimane ha perseguito la strada del dialogo. Un dialogo che si è fatto più complicato quando è stata pubblicata la relazione della commissione Lattanzi, incaricata dal ministero di fare le proposte di modifica del processo penale. Alcune delle idee messe nero su bianco dai tecnici al Movimento 5 stelle proprio non vanno giù. E sulla prescrizione c’è il rischio che i pentastellati alzino un muro. La ministra continua a mostrare ottimismo e a chi gli chiede se si giungerà a una mediazione risponde “sì, sicuramente”. Ma conciliare posizioni agli antipodi non è impresa facile.

I 5 stelle, a meno di giravolte dell’ultimo minuto, non vogliono blindare la riforma Bonafede in tutto e per tutto, ma sono disposti a pochi margini di modifica della norma che prevede lo stop della prescrizione dopo il primo grado di giudizio. E questa linea contrasta con le due proposte approntate dalla commissione Lattanzi. Entrambe, sebbene in modo differente, puntano a superarla. Faranno saltare il tavolo? Fino ad oggi anche in casa 5 stelle la linea è stata quella della mediazione. Forti della maggioranza relativa in Parlamento, però, i pentastellati non sono disposti a negoziare un principio: “I cittadini devono avere la certezza che lo stato dia una risposta di giustizia”, va ripetendo da tempo qualcuno di loro. Le sentenze, è la linea, devono arrivare. Il passare del tempo non può essere una “scusa” per...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli