Cas, M5S: revocato bando antincendio, confermati nostri sospetti

Red/Gca

Palermo, 29 lug. (askanews) - "Apprendiamo con soddisfazione della revoca della procedura di gara indetta dal CAS il Consorzio Autostrade Siciliane sul servizio di presidio fisso antincendio in alcune gallerie. Evidentemente le anomalie che io stessa avevo messo nero su bianco con una mozione che impegnava il governo a ritirare quel bando, erano le stesse che hanno portato un'azienda che aveva partecipato, a ricorrere al TAR. Un fatto che conferma i nostri sospetti secondo cui quel bando era probabilmente cucito su misura per una o due aziende. Sarebbe auspicabile quindi che l'assessore Falcone comunicasse ai siciliani che la revoca di questo bando, altro non è se non l'ennesimo fallimento del carrozzone politico chiamato CAS". A dichiararlo è la deputata regionale siciliana del Movimento 5 Stelle Stefania Campo che ha depositato una mozione con cui si chiede alla Regione di revocare in autotutela la procedura di gara 'Servizio di Presidio Antincendio, con impiego di personale qualificato, ex legge 609/96, e di mezzi idonei per lo spegnimento incendio' nelle gallerie A/18 Messina-Catania e A/20 Messina-Palermo indetta dal Consorzio per le Autostrade Siciliane. "Come ha più volte sottolineato il nostro vice ministro ai trasporti Giancarlo Cancelleri - spiega Campo - al CAS vanno revocate le concessioni. Un Ente che da quanto apprendiamo dalla stampa, consente mazzette per controlli e sopralluoghi di sicurezza mai effettuati non può e non deve gestire le nostre strade".

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.