Casa Bianca diffonde prima telefonata Trump-Zelensky

webinfo@adnkronos.com

Come aveva anticipato nei giorni scorsi lo stesso Donald Trump, la Casa Bianca ha pubblicato oggi la trascrizione di una prima telefonata tra il presidente americano e Volodymyr Zelensky in occasione della sua elezione, il 21 aprile scorso, alla presidenza dell'Ucraina. Il testo è stato diffuso proprio poco prima dell'inizio della seconda audizione pubblica dell'inchiesta di impeachment della Camera per il Kievgate. 

Le tappe del Kievgate: da denuncia del whistleblower a impeachment 

A conferma del fatto che la mossa della Casa Bianca era stata coordinata con i repubblicani della Camera, il testo della trascrizione è stato letto integralmente da Devin Nunes, il capo gruppo repubblicano della commissione Intelligence della Camera, nel suo intervento in apertura dell'audizione di oggi prima dell'inizio della testimonianza dell'ex ambasciatrice a Kiev, Marie Yovanovitch.  

Prima di leggere la lettera che a detta dei repubblicani scagiona Trump da ogni accusa, Nunes ha accusato i democratici di essersi lanciati in "un infinito show televisivo" per "soddisfare le loro fantasie da Watergate".  

E mentre Nunes completava il suo intervento, la portavoce della Casa Bianca, Stephanie Grisham, ha diffuso una dichiarazione per affermare che il presidente "seguirà solo l'intervento introduttivo di Nunes, ma per il resto della giornata lavorerà per il popolo americano".  

Il documento diffuso dalla Casa Bianca è in effetti un 'sommario' della telefonata che Trump fece a Zelensky per congratularsi poche ore dopo la sua netta vittoria elettorale. Si è trattato quindi una conversazione molto più breve di quella della famosa telefonata del 25 luglio, al centro dell'inchiesta di impeachment.  

E dalle tre pagine declassificate del "memorandum of telephone call", fatta da Trump dall'Air Force One, emerge uno scambio di battute formali, incentrato soprattutto sugli auguri da parte di Trump ed i ringraziamenti del neo presidente ucraino.  

"Penso che farà un grande lavoro, ho molti amici in Ucraina che la conoscono e apprezzano e si aspettavano la sua vittoria, ed è veramente una cosa straordinaria", ha detto Trump all'attore diventato presidente che ringraziava per gli auguri ed assicurava a Trump che lui era stato "di grande esempio".