Casadei, la carriera del musicista e compositore italiano

·2 minuto per la lettura
Raoul Casadei chi era
Raoul Casadei chi era

Definito il re del liscio e noto per aver contribuito a diffondere a livello mondiale questo genere, il musicista e compositore Raoul Casadei è morto a 86 anni nell’ospedale dove si trovava ricoverato dopo aver contratto il Covid: chi era?

Chi era Raoul Casadei

La sua carriera è iniziata alla fine degli anni Cinquanta nell’Orchestra Casadei guidata dallo zio Secondo, poi rinominata Orchestra Secondo e Raoul Casadei. Negli anni Sessanta i due hanno diffuso la musica da ballo romagnola in tutta l’Italia eseguendo più di 365 concerti all’anno. Nel 1971 lo zio è venuto a mancare e Raoul ha preso in mano la conduzione dell’orchestra portando il liscio in tutto il mondo.

Proprio negli anni Settanta avviene infatti il cosiddetto “boom del liscio”, con la formazione di migliaia di orchestre. Tra i più grandi successi scritti da Casadei in questo periodo vi sono Ciao mare, Simpatia, La mazurka di periferia, Romagna e Sangiovese, Romagna Capitale e Tavola grande. Nel 1973 l’orchestra da lui guidata partecipa per la seconda volta al Festivalbar, l’anno seguente esordisce al Festival di Sanremo e nel 1975 a Un disco per l’Estate. Negli stessi anni si dedica alla composizione di musiche di sigle televisive fra cui quelle per …E viene sabato, Domenica In e Stasera mi butto.

Nel 1980 si ritira dal palcoscenico ma continua a gestire l’orchestra da dietro le quinte. Nel 1981 inaugura la motonave Ciao Mare “La Nave del Sole”, un’imbarcazione che fino al 1996 ha trasportato i turisti lungo la Riviera Romagnola sulle note del liscio. Venduta nel 1997, dopo tre anni Raoul decide di mantenere viva la tradizione facendo esporre il logo “La Nave del Sole” sulla Motonave Tritone che tuttora parte dal porto di Cesenatico.