Casamarciano, a Capodanno lanterne cinesi al posto dei botti

casamarciano

Bella iniziativa da parte del comune di Casamarciano (Napoli) che per il Capodanno 2019 ha voluto vietare tutti i botti e sostituirli con le lanterne cinesi. Tutti i ricavi andanno poi in beneficienza per una bambina

Casamarciano, a Capodanno solo lanterne cinesi

Il Capodanno 2019 nel piccolo paese di Casamarciano (provincia napoletana) sarà all’insegna della sicurezza. Da cinque anni, infatti il sindaco Andrea Manzi ha proibito la vendita e l’utilizzo di botti esplosivi, ma gli abitanti avranno comunque modo di festeggiare lanciando nel cielo tante lanterne cinesi illuminate.

L’iniziativa è nata per mantenere la sicurezza nel comune, evitando feriti o animali impauriti, sempre più in crescendo nell’ultimo decennio soprattutto in Campania: “Un gesto di civiltà ma anche di bontà nei confronti di chi è meno fortunato. Una tradizione che si è consolidata in questi anni e che rappresenta lo strumento per trasmettere, soprattutto ai giovani, il rispetto per l’ambiente e gli animali. Un gesto di cultura che, mi auguro, possa essere di buon auspicio per l’intera comunità nel corso dell’anno che verrà“, ha dichiarato il primo cittadino.

Lanterne cinesi, introiti in beneficienza

Oltre a garantire la sicurezza, l’acquisto delle lanterne avrà anche un fine solidale. Tutti gli introiti derivanti dalla vendita delle circa 300 lanterne cinesi, e soprattutto le offerte volontarie dei contribuenti, infatti, saranno tutti devoluti alla famiglia per finanziare le cure mediche di una bimba del luogo, ricoverata da tempo all’Ospedale Gaslini di Genova. Un gesto di solidarietà per finire ( e soprattutto iniziare) l’anno all’insegna della carità e della condivisione.