Casamonica a vittima usura: "Ti dobbiamo venì a casa?"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Dopo le condanne per l’aggressione al ‘Roxy Bar, avvenuta ad aprile 2018, alla Romanina, periferia della Capitale, i Casamonica e i Di Silvio hanno continuato a compiere anche estorsioni per sostenere le spese legali dei familiari detenuti. E’ quanto emerso dalle indagini coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Roma nei confronti del clan e che ha portato oggi in carcere altre sei persone, arrestate dagli agenti della Squadra Mobile di Roma e del Commissariato Romanina ritenute responsabili a vario titolo di estorsione aggravata dal metodo mafioso, usura, esercizio abusivo dell’attività finanziaria e spaccio di sostanze stupefacenti.

Da violenze Roxy bar a estorsioni, 6 arresti nel clan Casamonica

Subito dopo gli arresti scattati per i fatti del Roxy Bar, Ivana Casamonica aveva preteso da un loro abituale “cliente” somme di denaro per sostenere le spese legali dei figli detenuti. Inoltre, a causa del mancato pagamento dei debiti maturati per l’acquisto dello stupefacente, la vittima è stata esplicitamente minacciata attraverso un messaggio lasciato sulla segreteria telefonica da Alfredo Di Silvio: “…che cazzo ti sei messo in testa aoooò…ma che ti dobbiamo veni a casa? Te dobbiamo venì a bussà a casa tua? Ao! Se domani mattina non vieni qua…te veniamo a casa…mò hai rotto il cazzo eh!”. Ivana inoltre lo ha intimidito con modalità tipicamente mafiose: “fa come vuoi…guarda tanto lo so dove stai a me non me interessa, a me non me interessa poi quello che succede … lo sai che te volemo bene, lo sai, lo sai bene”.

Per l’aggressione al Roxy Bar la Cassazione ha confermato la condanna a sei anni di carcere per Antonio Casamonica e lo scorso luglio i giudici di Piazza Cavour hanno confermato le condanne per gli altri imputati, Alfredo Di Silvio a 4 anni e 10 mesi e per il nonno Enrico 3 anni e 2 mesi e a 4 anni e 8 mesi per Vincenzo Di Silvio. In carcere adesso sono finiti il nonno Enrico, i genitori di Vincenzo e Alfredo, Ivana Casamonica e Anacleto Di Silvio, oltre a Alevino Di Silvio, Silvio Di Vitale, Alfredo detto ‘Augù’ Di Silvio.