CasaPound: rispunta la scritta di marmo, così Cpi festeggia 16 anni di occupazione

webinfo@adnkronos.com

Rispunta per una sera la scritta "CasaPound" rimossa ad agosto scorso dagli occupanti di via Napoleone III dopo la diffida a eliminare "l'affissione abusiva" consegnata (di persona) ai residenti dello stabile dalla sindaca di Roma Virginia Raggi.  

Come si vede da alcune foto postate sulla pagina Facebook di Cpi, le nove lettere in marmo bianco non sono state ricollocate sul muro dell'immobile, ma sono state esposte "a braccia" davanti alla facciata del palazzo dai militanti del movimento riuniti per festeggiare i 16 anni trascorsi dall'occupazione del 26 dicembre 2003. Giusto il tempo di un paio di scatti per immortalare la piccola folla che sostiene la scritta, con il leader delle 'Tartarughe frecciate' Gianluca Iannone in primo piano. 

"Sedici anni e non sentirli. Alla faccia dei censori di ogni risma. Avanti CasaPound. Alla vittoria!", il post che accompagna le foto. 

Poi, poco più sotto, un altro post con gli "auguri" a CasaPound: "Il 26 dicembre 2003 veniva occupato uno stabile in Via Napoleone III, abbandonato da un ente parastatale, per dare una dimora accogliente a famiglie italiane che stavano trascorrendo il Natale senza un tetto. Gli occupanti lo hanno ribattezzato 'CasaPound', in onore di Ezra Pound, il poeta americano, ma italiano di adozione, che negli anni '30 aveva denunciato le devastanti conseguenze dell'usura bancaria".  

"Nel giro di pochi anni, attorno a quel primo nucleo si sono aggregati sempre più numerosi da ogni parte d'Italia tutti coloro che sognano di vedere il nostro paese finalmente forte, indipendente, attento alle esigenze dei propri figli e libero dalla morsa della speculazione finanziaria. Nasce così CasaPound Italia, attiva sul piano della politica, della cultura, del volontariato e della promozione sociale. Tutto questo, germogliato da un'impresa compiuta in una notte romana di sedici anni fa, che ha dato all'Idea una nuova Casa, un faro per tanti che vogliono cambiare questa Nazione. Auguri CasaPound!".