Casciaro (Anm): "si è chiusa fase incertezza, forte auspicio per immediato rilancio Paese"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Un’interlocuzione "sui tavoli di progettazione della Giustizia legati al Recovery fund"; la predisposizione di una "campagna vaccinale a gruppi target di lavoratori del servizio giustizia che hanno un contatto quotidiano con il pubblico e svolgono un servizio essenziale"; un confronto "sui profili inerenti all'assetto delle riforme ordinamentali" e "sulle misure organizzative collegate all’emergenza pandemica", relativi a processi e concorsi. Sono tra le priorità da indicare alla neo ministra Marta Cartabia secondo il segretario dell'Anm Salvatore Casciaro, che all'Adnkronos valuta la nomina dell'ex presidente della Consulta a Guardasigilli con queste parole: "Si è chiusa una fase di incertezza legata a una crisi di governo intervenuta in un momento quanto mai delicato per la drammatica situazione sanitaria ed economica in atto ed è forte l’auspicio per un immediato rilancio del Paese".

"La ministra Cartabia - prosegue Casciaro - sarà subito chiamata a intervenire sui temi legati al Recovery fund, e ciò per delineare compiutamente una strategia di interventi che consenta, raccogliendo anche le ultime sollecitazioni della Commissione europea, di addivenire alla velocizzazione dei tempi dei processi civili e penali nel nostro Paese, con abbattimento degli arretrati. Gli obiettivi strategici del Piano nazionale di ripresa e resilienza potranno perseguirsi al meglio programmando un confronto costruttivo con le categorie interessate in vista della non lontana scadenza del termine di presentazione del Piano al 2.4.2021. C’è ancora il tempo di riflettere per apportare aggiustamenti nell’interesse del Paese ed mi auguro possa esserci a breve un incontro della Ministra Cartabia con la Giunta esecutiva centrale dell’Anm".

Quali sono le priorità che volete indicare al nuovo Guardasigilli? "C’è diffusa consapevolezza dell’occasione imperdibile che i fondi europei sono in grado di fornire per il rilancio del servizio Giustizia. Occorre l’impegno e il concorso di tutte le categorie interessate (magistrati, avvocati e personale amministrativo) per definire un progetto realmente innovativo in grado di migliorare il grado di efficienza del servizio reso ai cittadini - risponde - Ma sono anche altri i temi su cui prezioso sarà il confronto con la Ministra Cartabia".

Tra questi, "i profili inerenti all’assetto delle riforme ordinamentali sui quali abbiamo espresso recentemente motivati rilievi critici nel corso dell’audizione in commissione giustizia alla Camera. Vanno poi affrontati, con sollecitudine - prosegue il segretario Anm - gli aspetti afferenti alle misure organizzative collegate all’emergenza pandemica, ivi compresi gli interventi sulla disciplina processuale emergenziale e sull’indizione dei concorsi per il reclutamento dei magistrati, colmando le rilevanti scoperture in atto, da bandire prevedendo opportune misure tecniche e precauzionali a garanzia della salute pubblica e dei candidati".

"Nell’attuale fase della campagna vaccinale - conclude - si deve tenere conto, nell’individuazione dei gruppi target cui somministrare le vaccinazioni, dei lavoratori del servizio giustizia che hanno un contatto quotidiano con il pubblico e svolgono un servizio essenziale, la cui continuità deve essere assicurata proprio nell’interesse dei cittadini, scongiurando così possibili battute d’arresto determinate da eventuali focolai di contagio".

(di Roberta Lanzara)